Euro 2016 – L’esposizione di Lione, divino calcio

divinement footGli europei di calcio del 2016 trovano casa dai nostri vicini di casa francesi. L’evento che raccoglie tifosi da ogni paese (o quasi) del vecchio continente invade alcune grandi città, tra cui Lione che, concesso il gioco di parole, colgono la palla al balzo per lanciare qualche evento culturale che possa sposarsi con un mondo che il più delle volte sembra molto lontano dalla filiera culturale.

Dibattiti e confereze sul tema della « democrazia » nel calcio sono nel calendario cittadino sotto l’ombrello La démocratie par le foot, ma non solo. Il museo di storia cittadina, il museo Gadagne, che trova casa nel centralissimo quartiere di vieux Lyon si é messo in gioco inaugurando il 21 aprile un’esposizione : Divinement foot !

Fino al 4 settembre la città si rivolge ad un pubblico differente, quello dei turisti che si recano in città per assistere a una partita, a coloro che si dipingono il volto e si avvolgono nella bandiera della propria nazione, a quei tifosi che non siamo abituati a immaginare all’interno di un museo. Ma perché no ? Sarebbe limitativo perdere l’occasione e affermare il contrario. La storia di un tessuto cittadino passa anche da questo, e in Italia dovremmo saperlo molto bene.

E cosi Lione ci ricorda attraverso un’esposizione interattiva adatta ad ogni tipo di pubblico come questo sport sia da considerarsi una sorta di nuova religione particolarmente popolare in tutto il mondo. Se ne analizzano i riti, gli eroi beatificati, i luoghi di culto, i valori. Il tutto con in apertura la sovrapposizione evidente della coppa premio (quella che si alza a seguito di una vittoria per intenderci…e che si colleziona con fierezza) e del calice che rimanda a sua volta a tradizioni come quella del Santo Graal. Tutto diventa immadiatemente evidente.

Vignette-paniniL’introduzione inserisce subito questo sport nella dimensione sacrale, i calciatori sono idoli ed eroi. Un vacabolario religioso. L’olandese milanista Van Basten accettava l’appellativo di « San Marco » donatogli dai tifosi… Un vero e proprio furto della terminologia e cultura propria al campo religioso, e non si tratta di campo da gioco. Noto a chiunque é il culto di Pelé, per il quale la nazione ha addirittura istituito un giorno di festa nazionale, e di Maradona. Simili a quei santini che le nonne di altri tempi conservano gelosamente, ecco spuntare immagini dei giocatori da idolatrare. Era il 1961 quando la repubblica del pallone (leggesi Italia) generava una vera e propria rivoluzione : l’album di figurine Panini ! Proprio durante i recentissimi Mondiali di Rio i giocatori spagnoli sono state rappresentati nell’album storico da un’artista tedesco  come santi in vetrate di una cattedrale. Scelta originale che lo stesso autore attribuisce propria alla cultura spagnola poiché ammette che non avrebbe potuto realizzare la stessa cosa per la squadra della Germania. Differenze culturali…

altarino maradonaQuesta nostra Italia, non considerata la Cattolicissima come la Spagna, aveva comunque già sperimentato nella fase Risorgimentale una nuova religione laica, quella della patria. Quando Garibaldi diventa Maradona cosa succede ? Emergono anche in questo caso le reliquie preziose e senza prezzo. Quindi esposto in sala un pittoresco altarino (riprodotto) presente di fronte un bar napoletano contente un paio di capelli del celebre giocatore argentino. Quei capelli vengono idolatrati, e non solo. Citando lo stesso testo pubblicato su Wikipedia é stata fondata nel 1998 a Rosario una chiesa a lui dedicata : « La Iglesia Maradoniana (Chiesa di Maradona) è una religione parodistica fondata dai sostenitori dell’ex-calciatore argentino Diego Armando Maradona, da loro considerato il migliore al mondo nonché Dio del calcio. ». Preghiere, sacramenti e festività (esiste sia una Pasqua che un Natale), nonché una buona dose di seguaci sorprendono i non credenti ! Ovviamente l’esposizione lascia aperta una parentesi sui dibattiti che restano in ogni caso vivi a oggi come l’abuso di droga e l’illegalità praticata dal giocatore…

Ma siamo ancora nella sfera religiosa quando il 22 giugno 1986 lo stesso Maradona, durante i mondiali in Messico, segna di mano contro l’Inghilterra dichiarando, al termine della partita, che si trattava di un gol per « mano divina ».

togoMolto interessante é anche osservare la vetrina dedicata ad altri tipi di rituali religiosi legati a questo sport, come quelli praticati dal Togo nel 2006… Le differenze culturali non impediscono alla sfera del sacro di penetrare il mondo calcistico. Vivi sono ancora i ricordi dei reportage sui riti voodoo prima di alcune partite importantissime giocate dagli azzurri, o espressioni del tipo « di macumba si vince » !

Per chiudere con una nota di sacralità anche nazionale, diamo spazio all’inno cantato in apertura, prima del calcio d’inizio, quell’inno che faticosamente i nostri giocatori non semplicemente cantano, ma in alcuni casi si esprimono con la mano sul cuore. E i tifosi anche. Il culto della Patria, il culto del Calcio, il CULTO punto.

Annunci

We love Torino – Museo dell’Automobile

museo_torinoNei musei spesso si finisce per scappare da un week end piovoso, una sorta di alternativa culturale al cinema. Non è questo il nostro caso, ricordando bene il sole in alto e la splendida giornata.

Piuttosto è stato un tener fede ad una promessa/sfida: visiteremo il Museo dell’Automobile entro dicembre 2013. Tutto ciò per dimostrare che non saremmo entrati nel circolo vizioso del rimandare alla prossima volta secondo l’antico detto “Non fare domani quello che puoi fare oggi”.

Restava nella mia memoria qualche ricordo infantile del luogo, simile ad un deposito di macchine antiche, mentre le ottime recensioni recenti giunte alle mie orecchie (a seguito della riapertura e del riallestimento del museo in occasione del 150°) hanno dato vigore ad una curiosità crescente.

L’edificio è straordinario ed enorme. Il percorso espositivo eccellente. L’allestimento gradevole e piacevole. L’elogio è evidente. museo auto

Tutto ciò perché non si tratta banalmente di un percorso storico/cronologico, ma di un discorso interattivo e filosofico che si apre su più fronti e tocca la sensibilità di un’utenza variegata. Incontriamo il bambino affascinato quasi quanto la ragazza alla moda, mentre a pochi passi un giovane appassionato riconosce i modelli delle autovetture da un lontano sguardo particolare.

Le sale partecipano alle sensazioni con un allestimento teatrale ed un sonoro ad hoc, mentre l’oggetto stesso dell’esposizione, l’autovettura, è analizzata non solo nel suo iter evolutivo ma tenendo conto del suo destino, del suo rapporto con l’uomo, e di conseguenza, con l’ambiente. Non è un oggetto isolato in una teca. E’ anche l’esito del lavoro di altri uomini, il simbolo e la geografia di una città quale Torino, un elemento di design in continua evoluzione. È la multipla 600 spiaggiata al sottofondo di Morandi, Vianello, Little Tony, ecc. museo multipla

Un visita così ricorda i falsi pregiudizi nei confronti dell’istitumuseo-dellautomoble-Torino-1zione museale, l’ottimo lavoro svolto negli ultimi anni verso un concetto più interattivo di museo, e il piacere di trascorrere un pomeriggio tra 4 mura…enormi!