Luna di miele a Cuba – Tra Varadero e Trinidad (Seconda parte)

L’avana, 2 milioni di abitanti, la città più grande delle Antille, raro angolo dell’America Latina in cui é possibile scoprire un tale tesoro storico coloniale, capitale che raccoglie il pesante fardello della turbolenta storia dell’isola, é solo la prima tappa di un lungo viaggio che ci illustra l’anima viva e autentica cubana. Quella delle sottoculture, della musica invasiva, dell’architettura magnifica, della pirateria e della rivoluzione, ma anche delle spiaggie bianche…

DSCN0805

Varadero

Lasciamo questa megalopoli e ci addentriamo nel nord-ovest, attraversando la provincia di Matanzas, e arrivando laddové i venti kilometri di spiaggia bianca di VARADERO restano leggendari nel nostro immaginario. Era il 1929 quando Varadero venne lanciata sulla scena internazionale attirando numerosi miliardari americani (tra cui un certo Al Capone) come luogo di svago e di villeggiatura. Oggi é una realtà esclusiva al turismo di massa, regno incontrastato di lussiosi resort all inclusive sulla penisola di Hicacos, prima risorsa economica di Cuba… come non cessa di sottolineare il Ministro de Turismo (leggiamo nei due quotidiani durante il viaggio – juvendud Rebelde e Gradma). Un luogo ideale per rilassarsi, godere del sole e della spiaggia finissima, abbandonando purtroppo l’isola autentica. Esistono nonostante tutto anche delle casas particulares che da qualche tempo fanno concorenza ai dorati pacchetti di viaggio. I resort più recenti, e quindi migliori e moderni sotto i vari punti di vista, sono quelli prossimi all’estremità orientale dell’isola. La scelta é indiscutibile !

DSC01742

Trinidad

Il turismo culturale riprende il proprio passo invitandoci a soggiornare nella celebre TRINIDAD, nella provincia di Sancti Spiritus, con le sue stradine acciottolate, e le sue dimore coloniali che sfoggiano con fierezza ancora oggi la ricchezza di un periodo passato di massimo splendore.  La terza città di Cuba, fondata nel 1514 da Velasquez, coltiva incessantemente il fascino del proprio passato aprendo ogni giorno le porte a centinaia di turisti provenienti da ogni angolo del globo. Patrimonio Mondiale dell’Unesco rientra in quasi ogni itinerante proprosto dai tour operator … ma non é necessario soggiornarvi a lungo se non si vuole restar vittima della macchina turistica ! Invece é importante riuscire a districarsi nel labirinto dei truffatori locali (i cossiddetti jineteros purtroppo ben noti), particolarmente numerosi in questa città, che vedono negli occhi del turista la propria riuscita giornaliera. Trinidad resta in ogni caso il luogo ideale per intraprendere un tour fotografico, lasciarsi incantare dai colori e dalle forme… Un mojito fresco delizioso la sera, sui gradini danzanti della Casa de la Musica in Plaza Mayor, é la ciliegina sulla torta ! Ottima musica anche alla Casa de la Trova… ma d’altronde la musica a Cuba non delude mai ! Raffinatezza per una pausa pranzo consigliata presso  il centralissimo Iberostar Grand Hotel, lussuoso palazzo ottocentesco ristrutturato con classe : una breve pausa relax ne vale la pena… A Trinidad é d’obbligo anche gustare un cocktail preparato con rum , miele, limone e acqua : la Canchanchara ! Cercate il bar che ne porta il nome, sarà una bella scoperta non sufficientemente pubblicizzata.

DCIM100MEDIA

Playa Ancon

Due brevi escursioni sono inevitabili: PLAYA ANCON, stazione balneare situata a soli 12 km dalla città conosciuta per essere la migliore spiaggia meridionale di Cuba, sebbene non paragonabile ad altre coste (ci sono solo 3 alberghi). Romanticissimo luogo dove godersi il tramonto. Spostarsi é semplicissimo, noi abbiamo scelto di arrivarci con un classico « cocotaxi », senza dubbio meno rapido dell’auto tradizionale, ma più economico e più cubano !!!!! La stessa traversata é un’avventura, osservare il panorama é una scoperta continua. Un consiglio : al fine di evitare trappole per turisti cercate un taxi appena fuori dal centro turistico (Trinidad é una città piccolissima) anche se cio’ vi costerà sicuramente una serie piuttosto lunga di ‘no ‘ in risposta agli insistenti locali ! Al rientro abbiamo incontrato un autobus che serve i lavoratori della zona : un’esperienza autentica e diventente a ritmo di salsa. Non dimenticate che Playa Ancon é conosciuta per i suoi mosquitos molto fastidiosi che al mattino e verso sera (quando la temperatura diventa più mite) escono e iniziano a pungere fastidiosamente chi non é prevenuto. Un buon repellente antizanzare dovrebbe risolvere la cosa e non rovinare la giornata J.

DSC01859

Valle de los Ingenios

Seconda escursione ricca di fascino é rappresentata dalla VALLE DE LOS INGENIOS. Un vecchio treno turistico a vapore parte quotidianamente dalla micro stazione della città entrando attraverso una valle pittoresca verdeggiante, dimora di canne da zucchero, antica fonte di ricchezza della città del corso del XIX secolo, attraversando ponti strettissimi e pascoli. Vi si intravedono ruderi di antichi magazzini e case padronali, quali la Manaca Iznaga. Questa, a solo 16 km ad est da Trinidad, é la testimonianza ben conservata, nonché attrattiva principale, della storia ed dell’economia locale, fondata nel 1750, trasformata oggi in un bar ristorante… La torre di 44 metri che sorge accanto all’hacienda serviva e controllare il lavoro dei numerosi schiavi impiegati e a radunarli.

Il paesaggio é davvero meraviglioso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...