Generale inverno #2 – Comptoir des Cotonniers

Cio’ che mi ha impedito di dormire tranquillamente questa notte e ha scosso violentemente i doppi vetri della mia camera ha un nome. É lo stesso che ha fatto vibrare le pareti, che ha fischiato a lungo e che ha preteso che congelassi il mio volto quando ho messo un piede fuori dal portone di casa. Lo definiscono vento, e i sapienti lo descrivono come “spostamento di una massa d’aria atmosferica dovuto a differenze di pressione e di temperatura tra un’area anticiclonica e una ciclonica”. Ebbene sappiamo bene che il vento é un fenomeno assolutamente naturale che non deve la sua esclusività alla stagione invernale, ma la sua brezza diventa increbilmente fastidiosa e detestabile quando é fredda… La sansazione che si infili tra le fessure delle nostre ossa é reale, e sembra che non vi é modo di sfuggirgli!

La domanda conseguente é: come fare a utilizzare i nostri bellissimi cappottini di tendenza che, sebbene siano in lana, non costituiscono un’arma contro le folate artiche che invadono le nostre città? uniqlo e comptoir

La risposta é stata il lavoro congiunto tra il genio giapponese di Uniqlo e l’eleganza di Comptoir des Cotonniers i quali, in occasione dello scorso inverno, hanno presentanto in edizione limitata “Mademoiselle Plume”. L’IT prodotto della stagione é un piumino leggero, economico (99 euro), reversibile, indossabile comodamente sotto una giacca o un cappotto. Ma soprattutto permette di schermare il freddo e il vento nascondendosi facilemente sotto un cappottino trendy. E puo’ essere indossato “in solitaria”…

Altri marchi hanno cercato di riprendere il concetto, primo tra tutti il francese Camaieu, il quale ha rimodulato anche il sacchettino per compattare il piumino. Intanto il successo generale é stato tale da aver guidato Comptoir des Cotonniers a una seconda riproduzione dell’articolo arricchito adesso da nuovi colori.

mademoiselle plume

Morale della favola, io ne ho aqcuistati ben 2… forse talvolta esagero…

Annunci

3 thoughts on “Generale inverno #2 – Comptoir des Cotonniers

  1. Sì, il vento è un cazzo … it blew my words away from a girl. So while I told her I love you, the phrase was carried in the opposite direction and landed 333 miles away in the ears of a confused farmer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...